La Storia

La Rivista Amministrativa

Nel 1850 nasceva a Torino una nuova Rivista dal titolo "Rivista Amministrativa del Regno", ossia raccolta degli atti delle Amministrazioni centrali e provinciali, dei comuni e degli enti e istituzioni pubbliche. Il fondatore, Comm. Vincenzo Aliberti, segretario al Ministero dell'Interno, la presentava ai lettori con queste parole: "...ci proponiamo intraprendere la pubblicazione di una Rivista Amministrativa, nella quale siano riferiti e discussi tutti quegli atti dei poteri dello Stato, che in alcuna guisa riflettono l'amministrazione largamente intesa... Per essa saranno inoltre raccolte in ordinata serie le decisioni del contenzioso amministrativo, importantissime a fissare i principi e determinare le norme di applicazione delle leggi a questo ramo del diritto, che è stato sinora presso di noi grandemente negletto".
La Rivista, prima ed a quei tempi unica nel suo genere, ebbe subito una calorosa accoglienza, poiché rispondeva ad un vivo ed urgente bisogno dei tempi. La Rivista Amministrativa propose al suo pubblico scottanti problemi, sia dal punto di vista teorico che da quello pratico, nelle disquisizioni dottrinali e nelle massime giurisprudenziali. Fu svolta attraverso il fluire degli anni, una serie armoniosa di questioni di primaria importanza per la vita amministrativa italiana, quali, ad esempio, la riforma del contenzioso amministrativo, la creazione delle Regioni, la riforma delle Amministrazioni provinciali e comunali, l'organizzazione delle imposte, il conflitto tra la Chiesa e lo Stato, l'espropriazione per pubblica utilità, la pubblica istruzione, e via via ogni e qualsivoglia istituto amministrativo del Regno del Piemonte prima, del Regno d'Italia poi.
Nata ancor prima della nuova Italia, la Rivista Amministrativa costituisce un documento storico e giuridico di eccezionale interesse e di palpitante attualità. I compilatori della Rivista rimasero anonimi fino all'anno 1928. E' solo nella raccolta di quell'anno, infatti, che furono noti i nomi dei "Collaboratori e Corrispondenti della Rivista Amministrativa", tra i quali sono i più illustri studiosi di diritto amministrativo, ordinari degli atenei di tutta Italia, Consiglieri di Stato e della Corte dei Conti.
Uscita l'Italia dall'ultimo conflitto, la Rivista Amministrativa, che in quasi cento anni aveva visto il Regno d'Italia nascere e morire, così scriveva nel primo fascicolo del 1946: "La nostra Rivista, che partecipa con la più profonda solidarietà al sentimento di leale devozione di tutto il popolo italiano per le nostre nuove istituzioni, ne saluta l'avvento mutando il suo vecchio titolo in quello di "Rivista Amministrativa della Repubblica Italiana".
Fondata da Vincenzo Aliberti, continuata da Leopoldo Piccardi e Anton Luigi Paoletti, è oggi diretta da Nicolò Paoletti, Gennaro Ferrari, Giuseppe Guarino, Filippo Lubrano e Mario Sanino.
Nel 1994 da un incontro tra Nicolò Paoletti e Ivone Cacciavillani nacque l'idea di realizzare la Rivista Amministrativa della Regione Veneto, nelle vesti di supplemento alla Rivista Amministrativa della Repubblica Italiana.
In seguito al successo ottenuto, negli anni successivi sono nate, grazie alla collaborazione di numerosi e volenterosi giuristi, la Rivista Amministrativa della Regione Lombardia, la Rivista Amministrativa della Regione Campania, la Rivista Amministrativa della Regione Toscana.
Un discorso a parte merita infine la Rivista Amministrativa degli Appalti, nata nel 1996, nella quale sono trattate questioni e problematiche attinenti gli appalti pubblici così da soddisfare l'esigenza avvertita dagli operatori del settore a tutti i livelli di poter usufruire di uno strumento di costante informativa in un settore che si caratterizza per una continua evoluzione a livello nazionale ed europeo.

Norme sull'utilizzo del sito - Note legali e sulla privacy
© 1999-2012 Rivista Amministrativa della Repubblica Italiana. Tutti i diritti riservati.